Scrittura sottopagata: cosa fare davanti a proposte non sostenibili?

In questa sezione di NuoviConTesti FORUM puoi inserire una domanda sulla tua scrittura, oppure sulla scrittura in generale. Ti risponderò direttamente qui nel forum. Scrivi per lavoro o sei amante delle parole scritte? Partecipa anche tu alla discussione con il tuo contributo.
Federica Segalini
Amministratore
Messaggi: 18
Iscritto il: 06/03/2020, 17:11
Contatta:

Scrittura sottopagata: cosa fare davanti a proposte non sostenibili?

Messaggio da Federica Segalini »

“Tempo fa (e non è la prima volta, anzi), un possibile cliente mi ha chiesto di scrivere per lui post sui vari social, pretendendo di pagarmi solo 1 €. Ne ho parlato anche in un mio dialogo. Mi capitano spesso proposte di collaborazioni simili e puntualmente le declino, considerandole un danno per l’intero sistema. Voi cosa pensate delle prestazioni tremendamente sottopagate? Non credete che rendano il nostro lavoro e, a lungo andare, l’intera società insostenibile?”.

Il mio pensiero è questo: dobbiamo difenderci da queste proposte.

Dobbiamo avere la forza di dire no, ed essere consapevoli del nostro potere contrattuale.

Il nostro lavoro di scrittura o di accompagnamento alla scrittura è importante e va riconosciuto: ma i primi a doverlo riconoscere siamo noi che lo svolgiamo.

Se arrivano queste proposte, abbiamo la grande responsabilità di dire no perché, oltre a danneggiare noi stessi, accettando proposte insostenibili potremmo portare danno a tutti coloro che svolgono questo lavoro, che come ecosistema verrebbe sminuito nel suo valore e nella sua funzione.

A margine di questa riflessione e a margine della necessità economica stretta, rilancio un altro livello del discorso: quello della gratuità, che deve essere una scelta sempre nostra, responsabile e ben ponderata.

In alcune circostanze la gratuità, proposta da noi stessi e non dal nostro potenziale cliente, ha la funzione di farci conoscere, di fornire un assaggio della nostra professionalità.

Possiamo offrire risorse gratuite senza scadenze e senza chiedere nulla in cambio, non solo per il piacere di farlo ma proprio per farci conoscere e far nascere la fiducia nel nostro potenziale cliente.

L’obiettivo non è consentire ad altri di approfittare di noi, ma offrire con molta trasparenza un poco di noi per favorire relazioni professionali serie, basate sulla fiducia e sul riconoscimento reale del valore del servizio che forniamo.

Un certo tipo di attività gratuita ben fatta, sincera e ben gestita può portare molte soddisfazioni a lungo termine.

Questi sono solo alcuni tra gli spunti che vorrei lasciarti.

E tu, caro lettore e amante delle parole scritte, cosa ne pensi?

Quali aspetti del discorso vorresti approfondire?